Naldini (Famiglia)

I Naldini già Rinaldeschi nel corso del XIV secolo si erano trasferiti da Prato a Firenze, ove esercitarono la mercatura e si espansero nei maggiori centri del nord Europa.

Francesco di Domenico Naldini fu mercante a Tolosa e, nel 1519 sposò Caterina di Antonio delli Erri. Il cugino Domenico di Giovanni e di Lena Bracci, nel 1508 sposò Ginevra di Lattanzio Tedaldi e nel 1527 iniziò ad acquisire le case dei Tedaldi in via dei Servi, nelle aree adiacenti all'abside del Duomo fiorentino. Tali edifici furono poi unificati nel palazzo Naldini edificato con l'intervento dell'architetto Pierfrancesco Silvani nel Seicento.
Il figlio di Domenico, Giovanni, sposò in prime nozze Agna di Bernardino Vasquez, in seconde nozze Anna Valcassar vicina alla casa dei Toledo. I figli di Giovanni furono Bernardino, nel 1575 marito di Maria di Dionigi Antinori, Ottaviano che istituì una secondogenitura prima della sua morte nel 1595. I figli di Bernardino, Francesco e Giovanni, proseguirono le attività imprenditoriali. Francesco sposò in prime nozze Laura Carducci, e in seconde nozze Elisabetta di Vincenzo Pitti, fu socio della Compagnia de Astudillo, poi travolta da un fallimento. Figlio di Francesco fu Giovanni, sposo di Lucrezia Zati, poi di Virginia di Andrea de' Pazzi. La discendenza proseguì con Domenico Andrea (1646-1697), marito di Anna di Bernardino Nerli che nel 1729, alla sua morte, lasciò eredi i tre figli che le erano sopravvissuti, Ottaviano (1684-1756), Antonio (1690-1742) e Giuseppe (1692-1760).
Ottaviano nel 1729 sposò Maria Caterina di Giovanni Del Riccio, erede della sua casa, ed ebbe molti figli. La sorella di Ottaviano, Virginia (1674-1747), aveva sposato Cristofano di Pierfrancesco Marzimedici (+ 1737), ultimo della sua famiglia, e da lui ne aveva ereditato i beni e le carte.
Il primogenito di Ottaviano, Domenico (1731-1810), nel 1786 sposò Fiammetta di Vincenzo Capponi ed ebbe, tra gli altri, Ottaviano e Vincenzo (1773-1831) che con la consorte Caterina Baldi dette avvio alla linea dei Vitolini Naldini. Ottaviano (n. 1771) sposò Teresa Incontri ed ebbe Domenico (1806-1875), marito di Flavia Cambi e padre di un altro Ottaviano (n. 1831), marito di Vittoria Giugni Canigiani dei Cerchi e padre di Cristina.
Fu poi Cristina Naldini Del Riccio (+ 1948), che aveva sposato nel 1879 Eugenio Niccolini (1853-1939), a lasciare a questa famiglia i beni e l'archivio della propria.