Ricerca Avanzata

Il governo di Siena durante la prima epoca medicea


Dopo il recupero dei documenti di Federigo di Antonio Barbolani, castellano poi governatore di Siena negli anni dal 1557 al 1582, se ne pubblica qui la descrizione completa.

Dalla pagina relativa a Federigo, si raggiungono la descrizione dei fascicoli e l'elenco analitico di tutti i documenti da lui raccolti durante il suo lungo incarico a Siena, dapprima come castellano (1557-1567), poi come governatore (1567-1582) al posto di Agnolo Niccolini.

Sorte ha voluto che alla morte di Federigo, i documenti politici di Siena del periodo dei suoi mandati fossero trasferiti nell'archivio di famiglia. Tali documenti sono oggi più facilmente reperibili grazie alla descrizione che qui se ne dà. Si tratta della corrispondenza intercorsa fra i sudditi, il governatore, le istituzioni e le magistrature locali e l'amministrazione del governo mediceo.

Sono le suppliche in forma di lettera per chiedere una grazia, un finanziamento, una concessione, da parte di privati cittadini e di istutuzioni civili e religiose, le informazioni che il governo senese chiedeva agli amministratori locali sui mittenti delle supliche e sul loro contenuto, e i decreti che il governo centrale, dopo il vaglio di ogni singola pratica, emanava e inviava a Siena da Firenze.

Il governo di Siena durante la prima epoca medicea